Passa ai contenuti principali

Computer Olivetti: il Modello M240


Olivetti M240

L'Olivetti M240 fu il successore dell'M24. Era basato su un microprocessore i8086 a 10MHz e usciva già di serie con il bus XT (ISA 8bit), aveva 640KB di RAM , la possibilità di montare sul controller interno anche unità a disco floppy ad alta densità 1.2 e 1.44MB.

Gestiva fino a 4 floppy drive e poteva montare un disco rigido interno e due unità esterne da 5,25".
La tastiera era diversa da quella dell'M24 e senza il connettore per il mouse.
La scheda video era per i primi modelli una At&T compatibile CGA poi montavano di serie una EGA.
Poteva montare un convertitore per il bus da XT 8 bit a ISA 16 bit.
L'M240 ha su piastra madre 2 dip switch (ognuno formato da 8 microswitch) e 9 jumper.

Retro del case
Caratteristiche Tecniche
Modello: M240
Anno: 1988
CPU: 8086 a 8.0 MHz
Sistema operativo: Ms-Dos
RAM: 640.0 kb
ROM: 40.0 kb
Modalità testo 80 x 25
Modalità Grafica: EGA 640 x 400 16 colori
Suono: 1 canale
Floppy drive: Floppy 5 1/4" 360Kb
Hard Disk: 20 MB Interfaccia st-506

Commenti

  1. mioo dio il mio retro computer che ho nella vetrinetta in casa mia che bei ricordi

    RispondiElimina
  2. ne sto' restaurando uno e potenziando al massimo, una macchina eccezionale avanti anni luce ai concorrenti IBM, quando l'italia insegnava al mondo intero a costruire i personal computer!! P.S. Me ne serve uno per restaurare il mio, se qualcuno lo vende ci sono

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ne ho uno come nuovo. se interessa...

      Elimina
  3. Se stai cercando ancora io ne ho uno!

    RispondiElimina
  4. Ma era 10 mhz o 8 mhz ??? E' stati il mio 1° com,puter e mi ricordavo 8 ma trovo info contrastanti sul web

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

ENIAC

ENIAC "L'Electronic Numerical Integrator and Computer (ENIAC) è, tra quelli di cui si ha notizia, il quarto computer elettronico digitale della storia, il quarto computer Turing completo della storia, il primo computer elettronico general purpose della storia e il primo computer elettronico Turing completo della storia. Fu presentato ufficialmente il 16 febbraio 1946 e fu progettato da J. Presper Eckert e John Mauchly. Il team di sviluppo includeva Bob Shaw (tabelle funzionali), Chuan Chu (divisione/radice quadrata), Kite Sharpless (programmatore principale), Huskey (lettore/stampante) e Jack Davis (accumulatori). Durante la Seconda guerra mondiale, nel 1943, il Governo degli Stati Uniti subì una forte pressione, in modo particolare da parte di un colonnello dell'esercito, ai fini della realizzazione di una macchina da calcolo. Questa doveva essere capace di risolvere i problemi di calcolo balistico per il lancio dei proiettili d'artiglieria. Il progetto, denominato &quo…

EDVAC

EDVAC (Electronic Discrete Variable Automatic Computer)
L'Electronic Discrete Variable Automatic Computer (EDVAC) è uno dei primi computer elettronici digitali della storia, uno dei primi computer della storia basato sull'architettura di Von Neumann e uno dei primi computer a programma memorizzato della storia. L'ENIAC era veloce, ma disponeva di pochissimo spazio di archiviazione. Inoltre, per la programmazione doveva essere ricablato, un'operazione che richiedeva da poche ore a giorni interi; era, inoltre, poco affidabile, a causa delle molte valvole tubolari utilizzate, che richiedevano, tra l'altro, moltissima energia e molto spazio per funzionare e generavano molto calore. Il che faceva lievitare costi di gestione.

Lo ZX Spectrum - il mio Primo Computer

Il 23 aprile 1982Clive Sinclair (Sinclair Research) presentarono lo ZX Spectrum. Il piccolo Home Computer era destinato a diventare un punto di riferimento per l’informatica e per l’industria videoludica. Lo ZX Spectrum riuscì a fare concorrenza al famosissimo Commodore 64, grazie anche al suo prezzo notevolmente più basso. Chi acquistava un ZX Spectrum aveva un computer a 8-bit, dotato di CPU Zilog Z80A da 3,5MHz, RAM di serie da 16KB espandibili fino a un massimo di 128KB e un display con risoluzione massima di 256×192 pixel. caratteristiche che "fanno tenerezza" oggi, nel 2012, ma che nel 1982 decretarono il successo di questa piattaforma, una delle più ambite sul mercato, grazie a un processo d’ingegnerizzazione veramente valido che ne conteneva il costo.